Salute e forma fisica
Entra a far parte della nostra comunità.
Ultimi argomenti
» informazioni alimenti
Mar Giu 27, 2017 5:26 am Da carl34

» 15 ANNI MASSA
Ven Giu 23, 2017 2:12 pm Da MarcoCal

» Omega 3 e ictus: benefici da alimenti e integratori?
Sab Giu 10, 2017 3:01 pm Da A_L_I_N

» domanda
Sab Giu 10, 2017 2:55 pm Da A_L_I_N

» barrette proteiche
Ven Giu 09, 2017 3:53 am Da carl34

» salve a tutti
Mer Mag 24, 2017 4:54 pm Da A_L_I_N

» alimentazione massa
Lun Mag 08, 2017 7:49 am Da carl34

» Diario proteico
Mer Mag 03, 2017 7:55 am Da carl34

» Consigli culinari
Ven Apr 21, 2017 6:37 am Da azzinimartina

» Salve a tutti
Mer Apr 19, 2017 9:51 am Da carl34

» Niente
Mar Apr 11, 2017 10:13 am Da ghali13

» mi presento
Lun Apr 10, 2017 7:41 am Da carl34

» diario di crazybig
Mar Apr 04, 2017 8:42 am Da Filippius

» scheda massa febbraio-marzo
Dom Feb 05, 2017 10:44 am Da jonathanmicori

» Problema dorso
Dom Gen 29, 2017 3:30 pm Da Bild_Boy

» Ginocchiera per SQUAT, quale acquistare?
Gio Dic 29, 2016 3:50 am Da Filippius

» Alimentazione massa 15 anni
Mer Nov 16, 2016 11:13 am Da Denis01

» Inguine anca e femorale.
Mer Nov 02, 2016 9:40 am Da Kovacici10

» Aiuto scheda massa.
Mer Set 21, 2016 10:06 am Da champ21

» Salve a tutti
Mer Set 21, 2016 9:53 am Da champ21

Accedi

Ho dimenticato la password

Ricerca avanzata
Cerchi qualcosa all'interno del forum e non lo trovi? Prova a fare una ricerca avanzata, cliccando qui.
Chi è in linea
In totale ci sono 10 utenti in linea: 0 Registrati, 0 Nascosti e 10 Ospiti :: 2 Motori di ricerca

Nessuno

Il numero massimo di utenti online contemporaneamente è stato 100 il Mar Nov 13, 2012 8:13 am
Settembre 2017
LunMarMerGioVenSabDom
    123
45678910
11121314151617
18192021222324
252627282930 

Calendario Calendario

I postatori più attivi del mese

Forum della pubblicità

La dieta "perfetta"

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La dieta "perfetta"

Messaggio Da Conan il Mar Set 13, 2011 6:30 am

Nelle nazioni più industrializzate si continua a soffrire per i troppi eccessi, e dinoltre un'ampia fascia di persone accusa carenze nutrizionali importanti, tanto da farci affermare che l’umanità è interamente malata dal punto di vista alimentare.
Purtroppo, i problemi relativi ad una dieta inadeguata non compaiono mai nel breve periodo con una sorta di meccanismo causa-effetto (ad eccezione di problemi come allergie, intolleranze e intossicazioni alimentari).
Al contrario, quando queste malattie fanno il loro esordio - generalmente dopo diversi anni - è già troppo tardi, perché non possiamo più recuperare uno stato di salute ottimale ma, al limite, mantenerlo ed evitare di peggiorare ulteriormente la situazione (grazie a farmaci opportuni, associati ad uno stile di vita corretto e ad una sana alimentazione).
Una dieta può essere definita corretta se risulta soddisfacente dal punto di vista quantitativo, vale a dire se garantisce l’apporto di energia e di ogni singolo nutriente nelle giuste quantità. La dieta, però, dev’essere anche qualitativamente equilibrata; non è sufficiente, infatti, garantire le giuste quantità di nutrienti, perché, pur essendo corretta dal punto di vista quantitativo, un'alimentazione di questo tipo potrebbe comunque risultare inadeguata.

Vediamo un semplice esempio per capire meglio questi concetti: la razione consigliata di glucidi o carboidrati è stabilita per la popolazione italiana tra il 55 ed il 65 % delle calorie totali giornaliere; alcuni individui possono trovarsi nella condizione di soddisfare i propri bisogni rispettando esattamente questa percentuale, ma seguire comunque un’alimentazione scorretta. E’ il caso, ad esempio, di chi non rispetta la giusta proporzione tra glucidi semplici (glucosio, fruttosio, saccarosio ecc.) e carboidrati complessi, riducendo questi ultimi a favore dei primi. Una dieta perennemente sbilanciata in tal senso (quindi ricca di bevande zuccherate, dolci ecc.) può creare, nel lungo periodo, una condizione patologica chiamata diabete. Pertanto, se da un lato dobbiamo garantire che il 55-65% delle calorie totali abbia un'origine glucidica, dall’altro si farà in modo che non più del 10-12% derivi dai carboidrati semplici. Il diabete di tipo 2, la cui insorgenza è fortemente condizionata - oltre che da fattori genetici - dall'inattività motoria, dall'obesità e dai sopraccitati disordini alimentari, è un esempio di malattia efficacemente controllabile ma che non può essere guarita.
Una dieta “perfetta” deve anche essere: adeguatamente ripartita, equilibrata, variata e ottimale.

Dieta adeguatamente ripartita
In una dieta la quantità dei vari nutrienti non è il solo parametro importante; se, per esempio, soddisfiamo il fabbisogno calorico in un unico pasto quotidiano, l’enorme quantità di cibo assunta tutta in una volta dilata le pareti dello stomaco, aumenta gradualmente la capacità gastrica e con essa la sensazione di appetito; predispone inoltre al sovrappeso e sovraccarica l’apparato digerente.
Una corretta ripartizione calorica prevede che la razione alimentare quotidiana sia distribuita in cinque pasti principali, di cui tre ponderalmente più importanti (prima colazione, pranzo e cena).
La colazione dovrebbe fornire circa il 20% delle calorie totali, il pranzo e la cena il 35% ciascuno, mentre il rimanente 10% dovrebbe essere coperto dallo spuntino pomeridiano e da quello mattutino.

Dieta equilibrata
Non è importante stabilire soltanto il quantitativo di calorie di cui abbiamo bisogno, ma occorre ripartirle in maniera equilibrata tra i vari nutrienti; a tal proposito, le linee guida per la popolazione italiana consigliano di assumere il 10-12% di calorie sottoforma di proteine, il 25-30% sottoforma di grassi ed il 55-65% sottoforma di glucidi. Le proteine, poi, devono anche essere correttamente ripartire in base alla fonte: 1/3 di esse dovrebbe avere un’origine vegetale, mentre i 2/3 un'origine animale.
Gli acidi grassi devono essere ripartiti in un 55% di monoinsaturi, un 20% di polinsaturi (almeno 12 grammi al giorno) ed un 25% di saturi. Per quanto riguarda la razione consigliata di acidi grassi essenziali, si consiglia un apporto pari al 2% delle calorie totali quotidiane per gli di ω6 (acido linoleico) e al 2% delle calorie totali quotidiane per gli ω3 (acido alfa-linolenico).
Seguire una dieta equilibrata significa anche ripartire correttamente i vari tipi di carboidrati ed assicurare la giusta quantità di fibra alimentare, che pur non essendo un nutriente ha ripercussioni molto importanti sulla salute della persona; per un adulto sono necessari 30 grammi di fibra al giorno, mentre per i bambini in crescita l’apporto ottimale si aggira intorno ai 0,5 grammi per kg di peso corporeo (oppure una quantità compresa tra l’età più 5 e l’età più 10 espressa in grammi, senza dubbio più adeguata per i bambini in sovrappeso).
Vi sono poi le razioni consigliate di vitamine e minerali:

Dieta variata
Questo concetto viene espresso dalla moderna piramide alimentare, alla cui base troviamo una componente essenziale, anche se estranea all’ambito alimentare: l’attività motoria. L’associazione tra dieta e movimento è valida sia per la dieto-terapia, sia come prevenzione, sia per il mantenimento del benessere generale.
Dieta variata significa anche scelta ponderata degli alimenti. A meno che non siamo di fronte ad una condizione patologica manifesta, non esiste nessun alimento che vada osannato e nessun altro che vada abolito; in natura, infatti, non troviamo cibi completi, motivo per cui la varietà dello stile alimentare risulta essenziale per assicurare lo stato di salute dell'individuo.
Non bisogna d’altra parte dimenticare che l’alimentazione è anche, se non soprattutto, gratificazione; quindi tutte le caratteristiche fin qui elencate sono completamente valide soltanto se teniamo presente che la dieta deve soddisfare psicologicamente l'individuo. Un prodotto dietetico, ad esempio, dev’essere funzionale e rispondere a determinate esigenze, ma deve anche essere organoletticamente soddisfacente. I famosi “beveroni”, pasti sostitutivi liquidi che qualcuno prova di tanto in tanto a riesumare per ridurre il proprio peso, in linea teorica andrebbero anche bene - perché ci forniscono le giuste calorie dando un certo senso di sazietà gastrica - ma hanno l’inconveniente del gusto, spesso troppo accentuato e “stancante” nel lungo periodo.

Dieta ottimale
Per tutta una serie di motivi la vita moderna, con lo stress, l'inquinamento ed i ritmi frenetici che l'accompagnano, porta ad una produzione massiva, o comunque accentuata, di radicali liberi; abbiamo quindi il sacrosanto dovere di apportare un giusto quantitativo di antiossidanti per contrastare questi fenomeni, consumando molta frutta e verdura, preferibilmente fresca. Questo approccio garantisce un’adeguata ingestione di sostanze naturali che svolgono in qualche modo un’azione protettiva per l’intero organismo.

http://www.ifbbmagazine.net/rubriche/alimentazione/fset-alimentazione.html
avatar
Conan
Leggenda
Leggenda

Messaggi : 15603
Data d'iscrizione : 15.11.10

http://salutealtop.italians.tv

Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum